Lettori mp4 con video: migliori prodotti di Febbraio 2021, prezzi, recensioni

Quando si pensa ad un lettore MP4, inevitabilmente pensiamo ad un prodotto multifunzionale, dotato di uno schermo e capace di riprodurre in egual modo file audio e video.

In effetti, la particolarità di questi lettori è data proprio dalla presenza di uno schermo. Una funzione esclusiva e specifica, che ha dato vita ad una vera e propria tecnologia differente rispetto ai classici lettori.

Questo perché un lettore MP4 ha implementato tutta una serie di funzionalità che migliorano l’esperienza dell’ascoltatore. La principale, ovviamente, è lo schermo, che permette la riproduzione di file video di differenti formati.

Evoluzione

La prima e fondamentale differenza tra un lettore MP3 ed un lettore MP4 è stata proprio la presenza di uno schermo. Lo sviluppo dei lettori MP3 è stato molto rapido, ed ha generato una innumerevole mole di prodotti.

Con questi lettori era finalmente possibile ascoltare la propria musica preferita in ogni luogo, e nell’ordine che più ci soddisfa. Un grande salto in avanti, se si pensa al concetto di “musica mobile” fino a quel tempo.

Fino ad allora esistevano i lettori CD portatili, e prima ancora i lettori di musicassette. Prodotto utili ma molto più grandi, meno pratici e che necessitavano un costante interfacciamento con altri strumenti. Il lettore MP3 cancellò questa “dipendenza” e rese molto più veloce ed intuitiva la gestione dei propri file musicali.

Tuttavia, il grande limite dei file MP3 è dato dal fatto che questi permettono di riprodurre solo una traccia audio, senza alcun video. In un primo momento nessuno prese in considerazione questo limite, finché l’approccio ai file multimediali non divenne sempre più comune e frequente.

L’utilizzo di nuovi formati per la compressione di file video aprì la strada allo sviluppo di nuovi prodotti, sempre più richiesti e desiderati. Riprodurre la musica in mobilità non bastava più, si iniziava a strizzare l’occhio ai primi file video riproducibili su dispositivi portatili.

Esordio, diffusione e decadimento

A ridosso dei primi anni 2000 questo tipo di lettore divenne decisamente di moda. I modelli dotati di piccoli schermi, non più grandi di un paio di pollici, trovarono ampia diffusione divenendo di fatto uno standard.

La novità era doppia, in quanto si trattava non solo di oggetti piccoli e maneggevoli ma anche dei primi prodotti che permettevano di guardare un file video senza doversi piazzare al computer.

Oggi si tratta di una cosa scontata ed ovvia, ma fino a quel momento non lo era. La diffusione di prodotti mobili era piuttosto scarsa, ed i cellulari erano ancora in una fase non proprio avanzata. Di fatto, si preferiva utilizzare un lettore per ascoltare la propria musica ed anche per guardare i videoclip o piccoli filmati.

Non esisteva ancora un vero e proprio smartphone, e nonostante la tecnologia facesse passi da gigante era ancora ben lontana dai traguardi moderni. Anche per questo motivo, i lettori MP4 trovarono ampia diffusione sostituendo rapidamente i lettori MP3.

Tuttavia, fù proprio il progresso tecnologico legato agli smartphone a far lentamente decadere questo tipo di prodotti. Questi infatti permettevano di fare un po’ di tutto, discostandosi completamente dall’idea di un semplice telefono cellulare.

Non c’era più solo l’agenda, la rubrica e qualche gioco, ma anche l’accesso ad internet e le funzioni multimediali. Fù un’altra piccola “rivoluzione”, che fece passare in secondo piano i lettori musicali.

Perchè preferirli, oggi

Al giorno d’oggi la maggior parte delle persone non sente la necessità di avere un lettore musicale dedicato. Molto spesso basta il proprio smartphone, per l’appunto, e se non si hanno esigenze particolari non sembra essere necessario nient’altro.

Eppure, i lettori MP4 presentano molte funzionalità e comodità che non sempre sono disponibili negli smartphone, anche se questi sono estremamente avanzati (e costosi). Basti pensare a come si sono “reinventati” i lettori, che oggi hanno forme e dimensioni completamente differenti rispetto al passato.

Sicuramente la vostra mentre vi avrà fatto ricordare i classici prodotti della Apple, della Sony o di brand minori: rettangolari, sottili, con una pulsantiera ed un piccolo schermo. Bene, dimenticateli. Perché oggi un lettore MP4 di alta qualità si presenta in modo completamente differente.

Spesso simile ad un piccolo tablet o ad un vero e proprio smartphone, dotato di schermo touch screen e di differenti ingressi ed uscite, i lettori MP4 moderni sono delle vere e proprie postazioni multimediali. Riproducono innumerevoli quantità di file, sia audio che video, dimostrandosi compatibili con i formati più recenti ed utilizzati.

In passato i lettori MP4 erano in grado di riprodurre un solo tipo di file, l’MP4 per l’appunto. Oggi questo limite non esiste più. L’espressione “lettore MP4” è diventata un sinonimo di lettore multimediale, in grado di riprodurre e gestire numerosi tipi di file, e di comprendere funzioni avanzate legate alla riproduzione ed alla connettività.

Questi oggetti sono dotati anche di connessione wi-fi ed, in alcuni casi, garantiscono la possibilità di installare delle app. Si può così riprodurre musica e video da piattaforme di streaming, aumentando esponenzialmente il catalogo multimediale.

Marchi e costi

Se non vi spaventa l’idea di avere due oggetti tecnologici in tasca, e se siete propensi ad acquistare un lettore MP4, sappiate che non andrete in contro ad una spesa eccessiva. O almeno non troppo.

Questo perché i lettori MP4 sono prodotti abbastanza richiesti, e dunque facilmente reperibili. Ogni grande marchio ha una sua linea di lettori musicali, e negli ultimi anni sono reperibili (specialmente online) moltissimi prodotti di brand inferiori e meno noti, ma non per questo meno prestanti.

Punto di riferimento in questo campo sono sempre loro: Apple e Sony. Entrambi producono lettori di alta qualità, con prestazioni e funzioni elevate, e dai costi non sempre proibitivi. Allo stesso modo, è possibile optare per lettori della LG e della Huawei, che pur avendo scelto di focalizzare la produzione di altri oggetti tecnologici hanno ancora una linea di MP3 ed MP4.

Esistono poi brand storici e più economici, come Mediacom e Majestic, che garantiscono prodotti entry level ugualmente duraturi. Per un modello classico, dotato di schermo a cristalli liquidi, spenderete una cifra compresa tra i 20 ed i 40 euro, mentre per i modelli più simili ad uno smartphone spenderete dai 50 ai 100 euro.

Se poi la vostra attenzione si focalizzerà su prodotti di fascia ancora più alta, preparatevi a sborsare qualche decina di euro in più.

Non proprio un nativo digitale, ma appassionato di tecnologia ed elettronica. Lavoro come consulente informatico per diverse aziende, sempre alla ricerca di soluzioni ottimali ed in grado di rendere “smart” ogni cosa.

Back to top
menu
lettoridigitali.it